martedì 15 aprile 2014

MAKE UP: SUGGESTIONI IN BLU

MAKE UP: SUGGESTIONI IN BLU
Blu: più che un colore è una suggestione. Che ispira il  mare, il cielo terso e azzurro delle giornate di pieno sole, la notte profonda, ma anche i misteriosi e affascinanti Tuareg, gli “uomini blu” del deserto. Ciò che prevale è l'associazione positiva con il sogno, i paesaggi incantati di terre lontane, l'atmosfera della bella stagione. Forti anche i richiami con il genio artistico: è una delle nuance che ha contrassegnato un periodo del grande Pablo Picasso e la preferita da Wassily Kandinsky, il celebre pittore astrattista russo. 
Blu, secondo la cromoterapia,  è il colore della tranquillità, dell'infinito, della calma, della serenità: ha effetti rilassanti, tanto che ai bambini irrequieti è consigliato fare i compiti sotto la sua luce. E blu, in tutte le sue declinazioni e variazioni - da quelle sature e notturne a quelle elettriche e vibranti, passando per le nuance oltremare e turchesi - è un intramontabile must have del make up occhi, in sintonia con la manicure, soprattutto in primavera-estate. Un ritorno a polveri, matite, mascara (e smalti) blu che ha anche un lieve retrogusto nostalgico, che parla di notti da miracolo economico (anni '60) passate a ballare il twist.  E c’è chi sostiene che abbia lo stesso impatto passepartout del nero, per la sua estrema portabilità  ed eleganza, perché è  una tinta che si adatta a tutte le carnagioni e mette in risalto qualsiasi colore di capelli e di occhi (rende più grandi quelli azzurri e intensifica quelli scuri). Non a caso, è stato più volte “indossato” da celebs con caratteri somatici molto  diversi, come  Beyoncè,  Gwyneth Paltrow e  Cameron Diaz.
SGUARDO TOTAL BLU: ISTRUZIONI PER L'USO
Per vestire le palpebre con un look color sky d'effetto, su tutta la palpebra applicare prima una nuance soft, ad esempio un ombretto color cammello o beige, che potrà anche essere perlato o leggermente glitterato per il trucco da sera, e poi stendere la tonalità blu prescelta solo sulla parte mobile. Chi ha gli occhi chiari, sulla palpebra fissa, come base può preferire colori freddi, ad esempio i rosati, l'albicocca, il glicine. 
Essenziale è poi il mascara, blu o nero, che restituisce profondità all'iride.  A contrasto, la sera si può osare un rosa acceso per il blush, che illumina tutto il viso, e un dettaglio fashion, come le ciglia finte lunghissime e viola elettrico. Per le labbra, meglio un effetto ultra soft ottenuto con un rossetto cremoso color carne,  da tamponare con un filo di cipria, oppure  un gloss trasparente.

sabato 12 aprile 2014

EMOZIONI SULLA PELLE



Creme  dalle consistenze voluttuose e con ingredienti che assicurano alla pelle sia effetti speciali (tono, compattezza, luminosità) sia affetti speciali. Benvenute nell’era della cosmesi “feel good”, quella dei prodotti con performance  tecnologicamente eccellenti accompagnate da un corredo di sensazioni che modificano, in positivo, l’umore. Una delle idee trainanti delle maggiori case cosmetiche, oggi, viaggia, infatti, su questi binari: formulare  creme-euforia con attivi “intelligenti” capaci di stimolare le terminazioni nervose della pelle per indurre il rilascio di neurotrasmettitori, come serotonina e dopamina. È un plus impalpabile, tuttavia potente: è ben noto, infatti,  che la pelle risenta dell’azione di ormoni e neurotrasmettitori
 ° Tra gli attivi più mirati a sortire questo effetto “dopante” ci sono i penta-peptidi, come la carnosina e l’argirelina. Si tratta di lunghe catene di aminoacidi, i “mattoni” costitutivi delle proteine, che agendo come messaggeri chimici all’interno dell’organismo favoriscono gli scambi intercellulari. L’effetto finale è quello di mantenere turgore e tensione nella pelle stimolando la produzione di collagene ed elastina. Ma il  “motore” di quanto accade è un messaggio nervoso: per usare una metafora, è come se, grazie ai penta-peptidi, le cellule della pelle si mantenessero “giovani e forti” perché “consce” di quello che accade attorno a loro. Altri attivi oggi molto utilizzati sono gli Omega 3 e 6, che funzionano come neurotrasmettitori capaci di rinforzare l’azione barriera e il film idrolipidico  dell’epidermide, riducendo così lo stress delle aggressioni esterne.
UNA PELLE ... SENSAZIONALE
La pelle è l’organo sensoriale più esteso e toccarla aiuta ad amplificare le emozioni positive. Tutto questo grazie ai miliardi di recettori nervosi sparsi sulla sua superficie. Tra l’altro, una ricerca dell’Università statunitense di San Francisco ha scoperto una particolare molecola presente sulla pelle, la “NOMPC”,  che, se disattivata, fa perdere la piacevole sensazione dello sfioramento leggero di una mano. Spalmare un soin con tocchi leggeri, quindi, può contribuire anche a mantenere perfettamente “allertata” questa speciale molecola e, più in generale, ad  innalzare il tono dell’umore e a migliorare di riflesso turgore e luminosità dell’incarnato, soprattutto se si impiegano ingredienti che facilitano la scorrevolezza, come ceramidi, siliconi volatici, acido ialuronico microfrazionato. Un effetto che viene amplificato se le creme abbinano le texture  setose ed  effetti sonori, che stimolano così anche l’udito. è stato dimostrato che la consistenza di un trattamento, capace di migliorare la percezione tattile nel momento della stesura, non solo rende la pelle più ricettiva agli attivi contenuti nella formula, ma allerta positivamente tutti i sensi, predisponendo così al buonumore.
UNA PELLE... INTELLIGENTEMENTE EMOTIVA

Non finisce mai di stupire, la pelle: un team di ricercatori della statunitense Case Western Reserve School of Medicine, con uno studio pubblicato su Nature Biotechnology, ha scoperto una nuova, sofisticata tecnica di manipolazione per ottenere cellule cerebrali dai fibroblasti, che potrebbero aiutare a curare importanti malattie del sistema nervoso centrale.  Che la pelle sia dotata anche di un’”intelligenza emotiva” (esistono, come risaputo, diverse forme d’intelligenza) è ben noto: basti pensare a quanto possa essere reattiva agli stimoli nervosi e, di conseguenza, a “irritarsi” (leggi alla voce: cute sensibile). Pelle e sistema nervoso, infatti, hanno la stessa origine embriologica, l’ectoderma. Così, fin dalla vita fetale,  sistema nervoso ed epidermide sono in perenne contatto attraverso i neuromediatori, che negativamente stimolati possono innescare disagi vari, come bruciore, arrossamenti e irritazioni. Per questo, anche e soprattutto nella problematica della pelle sensibile gioca un ruolo fondamentale la componente psicosomatica. Tanto che gli psicologici l’hanno ribattezzata “sindrome della bambola di porcellana”, ribadendo che chi  soffre di questo problema ha spesso una personalità complessa, empatica, incline a manifestare i propri stati d’animo. Oltre ai ben noti consigli, come quello di usare prodotti dedicati, soft nell’azione e ipoallergenici, è importante rilassarsi il più possibile, per evitare che gli ormoni emessi in stato di tensione aumentino la reattività della pelle, oltre a minarne il tono. Utili i corsi di rilassamento e altre gratificazioni, come delle “fughe stratetiche” in SPA, anche solo per dei weekend, che, oltretutto, soprattutto in questa stagione   interrompono il circolo vizioso dell’assuefazione alla routine quotidiana, con benefiche ricadute anche sulla pelle.

giovedì 10 aprile 2014








"Cammina, cogli, mangia", di Claudia Bortolato, su D D - la Repubblica del 10.4.14

http://d.repubblica.it/beauty/2014/04/10/news/erbe_selvatiche_cucina_itinerari-2082926/

mercoledì 9 aprile 2014

SPA: RITORNO ALLA NATURA


A new era. Dopo gli oli essenziali,  le bombe vitaminiche, le formule hi-tech antietà  “concepite” in laboratorio srotolando le eliche del Dna, nasce nel wellness (e in cosmetica) una nuova tendenza: quella che nel “ritorno alla natura”, e in particolare alla terra, riconosce il suo inconfondibile refrain.
Che sia la terra, che assume la “forma” di fango termale, o l’acqua, liquido “taumaturgico” soprattutto se è termale o di mare, si tratta comunque di elementi materici, perfetti nella loro essenzialità per curare la sindrome da "deficit di natura", che colpisce chi vive nelle metropoli e si sente perennemente spossato, ingrigito, stressato. C'è, infatti, un diffuso bisogno di nutrire il proprio corpo sia in termini alimentari, sia cosmetici, medici o di benessere, con gli stessi “ingredienti” biologici e naturali di cui esso stesso è costituito. Un’esigenza scaturita da una priorità: quella di ritrovare, e mantenere, la natura, oltre che intorno a sé, anche dentro di sé. Un trend nato come esigenza intima e profonda di un nucleo generazionale femminile, le Sense Girls, ovvero le giovani donne di età compresa tra i 25 e i 40 anni. 
D’altro canto, la “materia” di questa filosofia del benessere ha davvero un potere – e che potere! – multi-sfaccettato: è sensoriale nell’accezione più ancestrale e tattile del termine. È avvolgente, calda e nello specifico dei trattamenti termali ha anche una tradizione e un background scientifico di tutto rispetto.
è dimostrato, infatti, che l’acqua e il fango termali, ricchi di sali minerali e altre componenti biologicamente attive, come le alghe termofile, oltre a curare diversi disturbi, ad esempio ossei articolari, circolatori, hanno molteplici azioni, anche cosmetiche. Per esempio, riducono l’eccesso di acqua presente tra le cellule o le fibre, migliorano il metabolismo cellulare, facilitano l’eliminazione delle scorie metaboliche, depurando l’organismo e aumentando, di riflesso, le difese dai radicali liberi. Ben note altre azioni di queste “materie prime”: mentre esfoliano, levigano e rigenerano la pelle, contrastano anche adiposità localizzate e cellulite, grazie all’assimilazione per osmosi dei sali e degli altri attivi